Digital Transformation? Il nuovo leader è l’HR

È l’ultimo report di Talent Garden a dimostrarlo. Si tratta del proseguimento di un’indagine iniziata nel 2018, che ha coinvolto più di 500 people manager di altrettante aziende italiane, che fotografa lo stato di evoluzione digitale delle imprese e le relative criticità e aspettative.

Nel precedente articolo “Come cambia il ruolo del responsabile HR nella Digital Transformation?” avevamo analizzato il ruolo sempre più centrale dell’HR nella trasformazione digitale dell’azienda. I dati del 2019 non solo confermano questa posizione, ma fanno emergere nuovi aspetti da tenere in considerazione per il successo nell’epoca della digitalizzazione.

Che cos’è la digital transformation?

Le aziende sono consapevoli che la trasformazione digitale sia inevitabile e impellente, ma quanti sanno su quali aspetti è necessario lavorare per guidare il cambiamento in modo efficace?

Secondo la ricerca il 52% degli intervistati ritiene che la Digital Transformation consista innanzitutto nella “digitalizzazione dei processi con l’introduzione di nuove tecnologie”. Una visione senz’altro riduttiva.

Soltanto il 30% delle persone sembra invece considerare la Digital Transformation come un cambiamento culturale e organizzativo che trasforma modelli di business, modalità di lavoro, modelli operativi interni e relazioni con il cliente. Per di più, ben il 40% dichiara di non aver chiaro cosa sia esattamente la Digital Transformation.

Paura del cambiamento

Tra le aziende intervistate, le principali cause di resistenza alla trasformazione digitale sono le abitudini consolidate (44%) e la paura dei cambiamenti (42%), a cui si aggiungono la mancanza di digital skill e il timore di non riuscire ad acquisirle (27%).

A questo punto ci si chiede: come vincere questi timori?

Le strategie utilizzate dalla maggioranza delle aziende risultano essere investimenti sulla formazione diffusa sul digital mindset (41%) e formazione di team che portino avanti progetti digital strategici per produrre risultati tangibili (32%). Tutto ciò accompagnato da una solida attività di comunicazione (38%).

Per raggiungere questi obiettivi, le metodologie formative più efficaci sono open innovation e mix tra contenuti ispirazionali, experience diretta e workshop applicativi. Mentre la classica lezione frontale e accademica viene considerata poco efficace per raggiungere l’obiettivo di miglioramento della cultura e delle competenze digitali.

L’HR è il change leader aziendale

L’impatto che la Digital Transformation sta avendo nelle aziende si fa sentire chiaramente e, secondo gli intervistati (53%), l’HR è la figura che si sta evolvendo maggiormente.

Innanzitutto, il fattore più critico per il successo dell’attività HR sarà l’acquisizione di un nuovo mindset e di una cultura digitale diffusa, il 50% indica la riprogettazione di processi e dei modi di lavorare e il 37% l’introduzione di nuove skill.

Inoltre, l’avvento della trasformazione digitale renderà obsolete molte attività del mondo HR, a partire da quelle che possono essere sostituite da sistemi automatizzati, tra cui screening dei Curriculum Vitae (46%), rilevazione presenze (46%) e pratiche amministrative di base (40%).

Per concludere, la ricerca dimostra che il nuovo change leader sarà proprio la figura dell’HR il cui compito sarà quello di gestire il cambiamento, di guidarlo e veicolarlo in relazione alla cultura e all’organizzazione aziendale.

 

Fonti: L’HR Del Futuro un Leader per la Digital Transformation